Fisso

SUPREMA BUSINESS VOUCHER 10 GIGAftth1000
Il massimo delle prestazioni della rete TIM a un prezzo speciale grazie ai Voucher Governativi. Scopri di più

TIM Suprema Voucher Fibra 10 GIGA

Mobile

TIM 5G Power Premium
Fai correre il tuo business, con il 5G di TIM vai alla massima velocità. Scopri di più

TIM 5G Power Premium

Prodotti

NOVITÀ: SAMSUNG GALAXY S23
Acquista il nuovo Samsung Galaxy S23 Series a partire da 24€ per 36 mesi. Scopri di più

Samsung Galaxy S23

Soluzioni Digitali

GOOGLE WORKSPACE
Tutto ciò che ti serve per le tue attività lavorative in un unico posto. Scopri di più

Google Workspace

Credito d’imposta ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica: cosa c’è da sapere

Credito d’imposta ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica: cosa c’è da sapere

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo è una nuova forma di agevolazione messa a disposizione dal Governo italiano per incentivare gli investimenti delle piccole e medie imprese.

credito-d-imposta-ricerca-e-sviluppo
29.04.2022
time Tempo di lettura 3 minuti

Il credito d’imposta per ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica (R&S&I) è una misura che si inserisce all’interno del Piano Transizione 4.0  per accompagnare le imprese verso la transizione tecnologica e rilanciare gli investimenti nel nostro paese.

 

Negli ultimi anni il credito d’imposta ha assunto un ruolo decisivo per le piccole e medie imprese, soprattutto per quelle alla ricerca di finanziamenti e agevolazioni fiscali. Per poter usufruire al meglio di questa nuova misura è fondamentale capire cos’è, come funziona e soprattutto a chi si rivolge.

Come funziona il credito d’imposta R&S

Il credito d’imposta è un credito che una persona fisica o un’impresa vanta nei confronti dello Stato e che può essere utilizzato per ridurre le imposte a debito. Il credito d’imposta può essere utilizzato per compensare eventuali debiti dell’azienda nei confronti dell’erario e per il pagamento dei tributi.

 

L’agevolazione in questione ha l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese stimolando gli investimenti in Ricerca e Sviluppo, Innovazione tecnologica, Design e ideazione estetica. Nello specifico il credito d’imposta riconosciuto per le diverse tipologie di attività nel 2022 è:

 

20% per ricerca & sviluppo fino a un massimo di 4 milioni di euro annui; per gli anni seguenti (fino al 31 dicembre 2031) è riconosciuto un credito del 10%, con un massimale di 5 milioni di euro all’anno.

10% per innovazione tecnologica oppure design e ideazione estetica con costi fino 2 milioni di euro all’anno; per gli anni successivi (fino al 31 dicembre 2025) il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 5%, con un massimale di 2 milioni di euro annui.

15% per transizione ecologica o innovazione digitale 4.0 con il limite massimo di 2 milioni di euro; nel 2023 sarà riconosciuto un credito pari al 10%, nel limite massimo di 4 milioni di euro all’anno, mentre nel 2024-25 scenderà al 5%, con il massimale che resterà di 4 milioni di euro.

 

È possibile approfondire l’argomento leggendo il testo completo del Decreto del 26 maggio 2020 emanato dal Ministero dello Sviluppo Economico nel rispetto dei principi e dei criteri contenuti nel Manuale di Frascati dell'OCSE.

A chi si rivolge il credito d’imposta R&S&I

Il credito d’imposta R&S spetta a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato italiano indipendentemente dal tipo di forma giuridica, regime contabile o fiscale adottato. Il requisito fondamentale è lo svolgimento di attività di ricerca & sviluppo, innovazione e design.

 

Le attività agevolate sono le seguenti:

 

  1. Attività di ricerca di base, industriale e sviluppo sperimentale.
  2. Attività di innovazione tecnologica finalizzata alla creazione di prodotti o processi nuovi o migliorati rispetto a quelli già realizzati in precedenza dall’impresa.

 

Sono escluse da questa agevolazione le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento e liquidazione coatta amministrativa. Condizione necessaria per usufruire del credito d’imposta è il pieno rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e il versamento dei contributi ai lavoratori, come previsto dalla normativa nazionale.

Quali sono le spese ammissibili a credito

Le spese che possono beneficiare del credito d’imposta sono diverse, vediamole nel dettaglio.

 

· Spese del personale impiegato nelle attività ammesse a finanziamento.

· Servizi di consulenza legati alle attività di R&D e innovazione tecnologica.

· Beni materiali immobili e software impiegati per il compimento delle attività agevolabili.

· Contratti di ricerca che includono lo svolgimento delle attività.

· Quote di ammortamento per l’acquisto da terzi (anche in licenza d'uso) di privative industriali relative a un’invenzione industriale o biotecnologica.

· Spese per materiali, forniture e prodotti funzionali allo svolgimento delle attività.

Come accedere al credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo?

Vediamo come poter accedere al credito d’imposta e sfruttare questa preziosa opportunità.

 

  1. Come prima cosa, il credito d’imposta dev’essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo in cui sono state sostenute le spese.
  2.  Il credito è utilizzabile in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.
  3. La base di calcolo del credito d’imposta deve essere assunta al netto delle altre sovvenzioni o dei contributi a qualunque titolo ricevuti per le stesse spese ammissibili.
  4. Nel rispetto dei massimali indicati, è possibile applicare il beneficio anche per più attività ammissibili nello stesso periodo d’imposta.

 

A ben vedere, si tratta di una misura molto importante di cui le imprese possono approfittare per aumentare gli investimenti in settori strategici e porre le basi per una crescita solida e duratura nel tempo.

 

Scopri quali sono le altre opportunità a disposizione delle imprese e quali attività ha messo in campo TIM Business per il PNRR con l’obiettivo di favorire la trasformazione digitale delle aziende italiane grazie a innovativi servizi e tecnologie all’avanguardia.

Pensati per te